Spesso ne sentiamo parlare, ma non tutti conosciamo il loro significato e la loro funzionalità. Sappiate che sono fondamentali quando parliamo di energia.

I codici POD e PDR sono presenti nella nostra bolletta. Solitamente vengono posizionati nella prima pagina della fattura, precisamente nella sezione in cui si fa riferimento ai dati della fornitura.

Entrambi hanno un ruolo fondamentale perché rappresentano un elemento identificativo dei contatori luce e gas.

Questi codici non cambiano se si sostituisce il fornitore. Non vanno, infatti, confusi con il codice cliente, noto anche come “numero utente”, che riguarda l’utenza e varia, diversamente da POD e PDR, quando si cambia fornitore.

Vediamoli nello specifico.

Il Codice POD (Point Of Delivery, ovvero punto di prelievo) è un codice alfanumerico composto da 14 o 15 cifre (es. IT001E00000000) e identifica contatore e fornitura della luce.

Il codice viene assegnato al momento dell’allacciamento alla rete elettrica, con l’installazione del contatore.  Possiamo definirlo il “codice fiscale” dell’utenza elettrica: è sempre lo stesso, anche se cambia il gestore oppure il nominativo della bolletta.

Dunque, ogni unità immobiliare ha il suo codice POD.

A comporre il codice POD sono:

  • il Codice Nazione (due caratteri che indicano la nazione che fornisce l’energia – IT nel nostro Paese);
  • il Codice Distributore (tre cifre che individuano il distributore);
  • il Codice Servizio (la lettera E per l’energia elettrica);
  • il Codice Punto di Prelievo (8 cifre che indicano il punto di prelievo)

Ad identificare, invece, le utenze del gas metano è il Codice PDR (Punto Di Riconsegna), un codice numerico di 14 cifre che identifica univocamente un’utenza del gas; viene assegnato quando si effettua l’allacciamento del gas. Il codice rimane invariato anche se si cambia fornitore.
E’ semplice da riconoscere: le prime 4 cifre indicano il codice dell’impresa fornitrice dell’energia gas, mentre le restanti 10 individuano l’utente finale.

CODICE PDR

Il codice PDR si trova nella bolletta del gas nella sezione “Dati Fornitura” o direttamente sul contatore.

Qual è la loro funzione?

Se decidiamo di cambiare operatore, fare un subentro o una voltura, questi codici hanno un ruolo di estrema importanza. Vanno, infatti, comunicati insieme ai dati personali.

Inoltre servono in caso di richieste di interventi di manutenzione o di reclami.

Attenzione! Non date mai a soggetti non identificati i codici POD e PDR perché potreste andare incontro a raggiri e truffe.